Uluch Alì (Ucciali)

Uluch Alì

A questo link GALENI, Gian Dionigi (Uluch-Alì, Ulucciali) https://www.treccani.it/enciclopedia/gian-dionigi-galeni_%28Dizionario-Biografico%29/

scritu in Zenagliano.

Semmu a Vase d’este’un annu du milleseisentu.

Il sole scada le miagge e sotto i tetti di quelle case ammuggiate du Burgu e de Ca-Braghe si scioppa dau codu.

Ma in te seianne, quandu u vegne scuu c’era un po’ di aia, che arrivava dal Teiro e alua tutta a gente a sciortiva de cà.

G’hea chi andava alla sciumea, le donne a ciappetare, settate sulle prie cun i pè a bagnu, l’ommi invece a fa bisboccia sutta i portisci, i zueni in giu a tacca bega au Sua o a S.Naso’.

Restavano, in te un recanto a Ca-braghe, solo i nonni, a cunta’ storie, per tenere bravi i figgiou, pe non fali andò in giu de notte a guantare le armugnine e perseghe in ti orti da Cammino’ o in ta Lomellina.

Cummme la settimana scorsa, ci hanno beccato due seotti del Borgo e quasi se li volevano tenere, per darli alle teste fasce’ quandu arrivan con u sciabeccu!

Ma de sciabbre e de gabibbi, sono sinquant’anni, che non se ne vedan più.

A Chintana

Però i ciù vegi, ancun si ricordano, quando arrivavan i turchi e ci toccava scappare, sciu da via Gianca, cun e donne e figgette, sensa fermarsi mai, fin au briccu du Grippin, dove si vedeva sotto chi arrivava.

Per farci venire un po’ di puia e di ubbidiensa, ai figgiou, i vegi raccuntavan de quei ciappa ciappa, che erano i pirati turchi.

Una de queste storie narrate dagli anziani nei caruggi de Vase è quella de Uluch Alì in zeneise Ucciali, l’urtimu Bey che arrivo’ a Vase, pe ciappo’ da gente.

Da zuenu, se ciamava, Giuan Galeni era un frate dumenican!

Un giorno stava con le crave e a cogge l’erba pe i cuniggi, in Calabria, quando lo hanno ciappato i turchi e avevano chiesto delle palanche, se volevano ancora il frate.

Ma nesciun pagò mai per farlo turnò in ta giescia, alua lo hanno portato via e messo ai remi du sciabeccu.

Lui si arraggio’ tanto, che gli usci un ciavello in mezzo ai cavelli e questo cresceva sempre giù grossu, tantu che i turchi ci fasciarono la testa come uno di loro.

Alua divento’ ancora ciù cattivu tanto che’ stranguo’ un de Napoli, che ci aveva dato un pattone e comincio’ a bestemmiare tanto più dei turchi, e poi si misse a prega’ pe u Mumma.

Faceva puia, u l’ea sempre arraggiò e alua pe falo sto bravo ci hanno fatto sposare la figlia di un Rais e ci dessero una galea, e lo chiamarono Uluch Alì.

Era diventato pascià e andava in giro dalle nostre parti a taccar bega con Zena e a Spagna e faceva quello ci avevano fatto a lui, ciappava la gente e domandava delle palanche.

A gente ou cunusceivan ben e quando vedevano arrivà e so galee tutti bragiavan u l’arrive Ucciali!.

In tu 1563 sbarcò anche a Vase e Selle cun 600 ommi e ciappo’ 50 ommi a quelli de Vase Celle e Savuna che ci erano andati incontro con 300 ommi.

E per questi meschinetti chiese 3000 scudi.

Nel 1571 u 7 de ottubre, Andrea Doria da Zena e tanti cristien, stuffi de turchi e de sciabecchi a Lepanto g’han detu na bella lesiun a quelle teste fasce’

Ci hanno abbrucciato li sciabecchi e le galee e i balistai de tanti erano de Sana e anche de Vase, hanno massato tutti i turchi, che si è perso la semenza di quei desgrasiati!

A Lepantu c’era anche Ucciali, con e so galee e ha ciappato de navi e masso’ di cristien, ma poi è dovuto scappare perché la battaglia era perduta.

E da quelu giurnu de Ucciali e dei suoi ommi a Vase e versu Vintimiggia nesciun nu l’ha vistu ciù na testa fascia’ e mancu un sciabeccu!

E Uluch Alì che fin u l’ha fetu?

Discian che l’han avveleno’ pe piggioghe e palanche.

Ma discian anche che u barbè, arraggiou perche Uluch Alì u ghe purtava via e banane in te l’ortu… u ga taggiou a gua!

A questo punto chi cuntova sta storia faceva il segno du taggiagua e a tutti i figgiou, specie quelli che andavano a sciatta’ negli orti da Lomellina e da Cammina’, u ghe vegniva tanta de quella puia che armugnin e perseghe pe un po’ nesciun u n’ha ciu’ guanto’!

I ciu’ piccin, invece vedevano i taggiague da tutte e parti in tu scuu e alua s’attaccavan a e braghe di grandi per ando’ a casa.

E quelu vegiu, che u l’eiva raccunto’ a storia de Ucciali, u g’he scappova da rie, mentre u l’andava in tu so caruggiu.

Libera narrazione con racconti di vita di molti anni fa, in zenagliano tratto da “Corsari del Mediterraneo” del Dott. Roberto Mariani.

foto in b/n Archivio Fotografico Varagine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: